{:en}Geopolitics and security of Armenia: an interview with H.E. Tsovinar Hambardzumyan{:}{:it}Geopolitica e sicurezza dell’Armenia: intervista a S.E. Tsovinar Hambardzumyan{:}

{:en}

The Ministry of Foreign Affairs of the Republic of Armenia in Yerevan (Credits: Tobias1984, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons)

Since the 2020 Nagorno-Karabakh conflict, the Republic of Armenia has faced several domestic and foreign challenges which reflect the changing geopolitical scenario in the Caucasus. SpecialEurasia interviewed H.E. Tsovinar Hambardzumyan, the Ambassador of the Republic of Armenia in Italy, to discuss the current situation and possible future developments in Armenia.

What is the current political situation in Armenia after the latest 2021 parliamentary elections and the new Armenian President’s appointment?

“Over the last three years, Armenians have chosen democracy over any other alternatives. The first time was in 2018, following the non-violent Velvet Revolution, and the subsequent snap elections, and the second time was the elections in 2021, following the devastating war.

We are committed to the consolidation of democracy in Armenia through strengthening democratic institutions, and even more so after the aggression by our neighbours were realised the imperative of democratic development. By embracing transparency and accountability, we are committed to continuing our path toward institutional reforms and the implementation of policies that will build faith between Armenia and our partners abroad. I would like to note, in particular, the role of the European Union in supporting democratic reforms in Armenia. We are determined to develop further the dynamics that have emerged in our relations after the Comprehensive and Enhanced Partnership Agreement with the EU entered into force last year.

In our bid to consolidate our democracy, we are facing multiple challenges. Of course, the biggest challenge for us comes in the form of military threats to our security from beyond our borders. Armenia is located in a complex region, where geopolitical interests often clash, putting our country at the epicentre of contradictions and conflicting interests.

The Government is guided by the logic that the most effective security guarantee is peace. This is the reason why opening an era of peaceful development for our country and region has been adopted as a state strategy. The most important goal of the strategy is to create a regional and international friendly environment around Armenia.”

Armenian local sources have reported that the Baku Government periodically interrupted the electricity supply while Azerbaijani soldiers opened fire against civilians. Is there the possibilità that Azerbaijan will take advantage of the developments around Ukraine and the conflict will erupt again in the region?

“Azerbaijan had already escalated the situation both on the state border and in the Karabakh conflict zone. For three weeks, almost 100 000 people of Artsakh had no gas and electricity amidst freezing cold weather due to a ‘pipeline accident’ or deliberate explosion. The damage was in the Azerbaijani controlled section of Artsakh, and Azerbaijan was refusing to allow specialists to enter the area and fix the problem. The interruption of the natural gas supply has caused serious humanitarian repercussions in Artsakh, including the interruption of bread baking.

The most recent invasion, probably the worst violation by Azerbaijan after the Trilateral statement of November 9th, 2020, was on March 24th, 2022, when the Azerbaijani armed forces violated the line of contact with Nagorno-Karabakh in the area of responsibility of the Russian peacekeeping mission and infiltrated into the village of Parukh in Artsakh. These actions were preceded by Azerbaijan’s complete disruption of the only gas pipeline supplying Artsakh, by constant shelling of Armenian settlements and civilian infrastructure, terrorising threats towards the Armenians of Khramort village by loudspeakers urging them to leave their settlements, and other steps aimed at ethnic cleansing.

Moreover, in order to complete its pursuit of ethnic cleansing and to implement the policy of subjecting the Armenians of Artsakh to genocide with new vigour, Azerbaijan demands through its statements the withdrawal of the self-defence forces of the Armenian population of Nagorno-Karabakh. Along with the drastic escalation of the security situation in Europe, such actions by Baku seriously endanger regional stability and peace.

At the same time, Aliyev has been systematically using xenophobic hate speech directed against Armenians in his public speeches on a regular basis, Azerbaijani authorities are continuing to bring up the next generation in the spirit of ethnic hatred and dehumanisation of Armenians and presenting their distorted versions of history. Another manifestation of ethnic discrimination by Azerbaijan against Armenians is the damage to or appropriation of Armenian cultural heritage in Artsakh, including destroying Armenian monasteries, removing Armenian artefacts and denying the Armenian origin of the cultural heritage of Artsakh through erasing Armenian inscriptions and declaring them to be Caucasian Albanian, Russian or Udi.”

H.E. Tsovinar Hambardzumyan, the Ambassador of the Republic of Armenia in Italy.

Does all this remain unnoticed by the world? What do you expect from the international community?

“The OSCE Minsk Group Co-Chair countries have delivered a clear assessment of the last escalation of the situation in Nagorno-Karabakh, acknowledging that it is a consequence of the movement of Azerbaijani troops. Of course, we expect similar assessments from the other countries as well. And it is important that the statements are targeted and addressed. Making an appeal to ‘both sides to cease such acts’ does not help. The appeal should be addressed to the aggressor.

Unaddressed statements have made Azerbaijan absolutely unpunishable especially now that the role of that country is increasing as an alternative gas supplier. We do not agree that the gas supply to Europe should take place at the expense of the blood of an Armenian soldier and turn a blind eye to Azerbaijan’s criminal actions.

Of course, we cannot say that such policies have gone totally unnoticed: the treatment of PoWs, hate speech and destruction of cultural heritage are reflected in the provisional measures that the International Court of Justice issued against Azerbaijan on December 7th, 2021. In September 2021, the Council of Europe’s Parliamentary Assembly (PACE) referred to this issue in a resolution focusing on the “humanitarian consequences of the conflict between Armenia and Azerbaijan.”. Also, on March 9th, 2022, the Resolution on the Destruction of Cultural Heritage in Nagorno-Karabakh was adopted by the European Parliament and strongly condemned Azerbaijan’s continued policy of erasing and denying the Armenian cultural heritage in and around Artsakh. The Resolution acknowledged that the erasure of Armenian cultural heritage is part of a wider pattern of a systematic, state-level policy of Armenophobia, historical revisionism and hatred toward Armenians promoted by the Azerbaijani authorities, including dehumanisation, the glorification of violence and territorial claims against the Republic of Armenia which threaten peace and security in the South Caucasus.

There is an Armenian-Turkey reconciliation process. What do you expect?

“If we step back and take a look into the facts, we will see that every Armenian Government since 1991 has been open to normalising relations and setting up diplomatic relations with Turkey. We have always been of the opinion that establishment of diplomatic relations and opening of the borders is the minimum that two neighbors must have.

As you know, Armenia and Turkey have appointed Special Representatives for the dialogue aimed at full normalisation of the relations without preconditions, which have already met twice.

I can say that there are already positive signs in this respect –  on March 11-12, 2022, Armenian Foreign Minister Ararat Mirzoyan took part in the Diplomatic Forum in Antalya. This is the first visit of a high-level official of Armenia to Turkey in a decade. Needless to mention that if the process of normalisation proceeds smoothly and we achieve positive results, mutual visits will be on regular basis.

But people are already benefiting from direct flights that have resumed between Yerevan and Istanbul. Opening of the borders will have its positive impact on the connectivity, trade and economic relations between the two countries, people to people contacts and overall peace and stability in the region.”


Authors: Giuliano Bifolchi and Sivlia Boltuc. For further information about Armenia and Nagorno-Karabakh, it is possible to request SpecialEurasia’s full report at this Link.

{:}{:it}

Il Ministero degli Affari Esteri della Repubblica di Armenia a Yerevan (Crediti: Tobias1984, CC BY-SA 4.0 , tramite Wikimedia Commons)

Dal conflitto del Nagorno-Karabakh del 2020, la Repubblica dell’Armenia ha dovuto affrontare diverse sfide interne ed estere che riflettono il mutevole scenario geopolitico nel Caucaso. SpecialEurasia ha intervistato S.E. Tsovinar Hambardzumyan, Ambasciatore della Repubblica di Armenia in Italia, per discutere la situazione attuale e i possibili sviluppi futuri dell’Armenia.

Qual è l’attuale situazione politica in Armenia dopo le ultime elezioni parlamentari del 2021 e la nomina del nuovo presidente armeno?

“Negli ultimi tre anni gli armeni hanno preferito la democrazia a qualsiasi altra alternativa. La prima volta è stata nel 2018, dopo la Rivoluzione di velluto non violenta, e le successive elezioni anticipate, e la seconda volta sono state le elezioni nel 2021 a seguito della devastante guerra.

Ci impegniamo per il consolidamento della democrazia in Armenia attraverso il rafforzamento delle istituzioni democratiche e, ancor di più dopo l’aggressione dei nostri vicini, è divenuto imperativo favorire lo sviluppo democratico nel paese. Abbracciando trasparenza e responsabilità, ci impegniamo a continuare il nostro percorso verso le riforme istituzionali e l’attuazione di politiche che creeranno fiducia tra l’Armenia e i nostri partner all’estero. Vorrei sottolineare, in particolare, il ruolo dell’Unione Europea nel sostenere le riforme democratiche in Armenia. Siamo determinati a sviluppare ulteriormente le dinamiche emerse nelle nostre relazioni dopo l’entrata in vigore dell’accordo di partenariato globale e rafforzato con l’UE lo scorso anno.

Nel nostro tentativo di consolidare la nostra democrazia stiamo affrontando molteplici sfide. Naturalmente, la sfida più grande per noi si presenta sotto forma di minacce militari alla nostra sicurezza da oltre i nostri confini. L’Armenia si trova in una regione complessa dove gli interessi geopolitici spesso si scontrano mettendo il nostro Paese al centro di contraddizioni e conflitti di interesse.

Il Governo è guidato dalla logica che la garanzia di sicurezza più efficace sia la pace. Questo è il motivo per cui l’apertura di un’era di sviluppo pacifico per il nostro Paese e la nostra regione è stata adottata come strategia statale. L’obiettivo più importante di questa strategia è creare un ambiente amichevole regionale e internazionale intorno all’Armenia”.

Fonti locali armene hanno riferito che il Governo di Baku ha interrotto periodicamente la fornitura di elettricità mentre i soldati azeri hanno aperto il fuoco contro i civili. C’è la possibilità che l’Azerbaigian approfitti degli sviluppi inerenti l’Ucraina e che il conflitto scoppi di nuovo nella regione?

“L’Azerbaigian aveva già aggravato la situazione sia al confine di stato che nella zona di conflitto del Karabakh. Per tre settimane, quasi 100.000 persone dell’Artsakh non hanno avuto gas ed elettricità in un clima gelido a causa di un ‘incidente nella conduttura’ o di un’esplosione deliberata. I danni si sono verificati nella sezione dell’Artsak controllata dall’Azerbaigian e il Governo di Baku si è rifiutato di consentire agli specialisti di entrare nell’area e risolvere il problema. L’interruzione della fornitura di gas naturale ha causato gravi ripercussioni umanitarie nell’Artsakh, inclusa l’interruzione della cottura del pane.

L’invasione più recente, probabilmente la peggiore violazione da parte dell’Azerbaigian dopo la dichiarazione trilaterale del 9 novembre 2020, è avvenuta il 24 marzo 2022, quando le forze armate azere hanno violato la linea di contatto con il Nagorno-Karabakh nell’area di responsabilità della missione dell’esercito russo di mantenimento della pace e si sono infiltrate nel villaggio di Parukh nell’Artsakh. Queste azioni sono state precedute dalla completa interruzione da parte dell’Azerbaigian dell’unico gasdotto che riforniva l’Artsakh, da continui bombardamenti degli insediamenti armeni e delle infrastrutture civili, minacce terroristiche nei confronti degli armeni del villaggio di Khramort con altoparlanti che li esortavano a lasciare i loro insediamenti e altre misure volte alla pulizia etnica .

Inoltre, al fine di completare il suo perseguimento di pulizia etnica e di attuare con nuovo vigore la politica di sottoporre gli armeni dell’Artsakh al genocidio, l’Azerbaigian richiede attraverso le sue dichiarazioni il ritiro delle forze di autodifesa della popolazione armena del Nagorno-Karabakh. Insieme alla drastica escalation della situazione della sicurezza in Europa, tali azioni di Baku mettono seriamente in pericolo la stabilità e la pace regionali.

Allo stesso tempo, Aliyev ha usato sistematicamente incitamento all’odio xenofobo diretto contro gli armeni nei suoi discorsi pubblici su base regolare e così facendo le autorità azere continuano a crescere la prossima generazione nello spirito dell’odio etnico e della disumanizzazione degli armeni presentando anche le loro versioni distorte della storia. Un’altra manifestazione di discriminazione etnica da parte dell’Azerbaigian contro gli armeni è il danneggiamento o l’appropriazione del patrimonio culturale armeno nell’Artsakh, inclusa la distruzione di monasteri armeni, la rimozione di manufatti armeni e la negazione dell’origine armena del patrimonio culturale dell’Artsakh cancellando le iscrizioni armene e dichiarandole appartententi alla Albania caucasica oppure di origine russa o Udi”.

S.E. Tsovinar Hambardzumyan, Ambasciatore della Repubblica dell’Armenia in Italia

Tutto questo rimane inosservato dal mondo? Cosa si aspetta Lei e l’Armenia dalla comunità internazionale?

“I paesi Copresidenti del Gruppo OSCE di Minsk hanno fornito una chiara valutazione dell’ultima escalation della situazione nel Nagorno-Karabakh, riconoscendo che è una conseguenza del movimento delle truppe azere. Naturalmente, ci aspettiamo valutazioni simili dagli altri paesi. E’ inoltre importante che le dichiarazioni siano mirate e indirizzate, perché fare un appello a “entrambe le parti affinché cessino tali atti” non aiuta. L’appello dovrebbe essere rivolto all’aggressore.

Le dichiarazioni non indirizzate hanno reso l’Azerbaigian assolutamente impunibile soprattutto ora che questo paese sta assumento il ruolo di fornitore di gas alternativo. Non siamo d’accordo sul fatto che la fornitura di gas all’Europa debba avvenire a spese del sangue di un soldato armeno e chiudere un occhio sulle azioni criminali dell’Azerbaigian.

Naturalmente, non possiamo dire che tali politiche siano passate del tutto inosservate: il trattamento dei prigionieri di guerra, l’incitamento all’odio e la distruzione del patrimonio culturale si riflettono nelle misure provvisorie che la Corte internazionale di giustizia ha emesso contro l’Azerbaigian il 7 dicembre 2021. Nel settembre 2021 , l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) ha fatto riferimento a tale questione in una risoluzione incentrata sulle “conseguenze umanitarie del conflitto tra Armenia e Azerbaigian.”. Inoltre, il 9 marzo 2022, il Parlamento europeo ha adottato la Risoluzione sulla distruzione del patrimonio culturale nel Nagorno-Karabakh e ha condannato fermamente la politica continua dell’Azerbaigian di cancellare e negare il patrimonio culturale armeno all’interno e intorno ad Artsakh. La risoluzione ha riconosciuto che la cancellazione del patrimonio culturale armeno fa parte di un modello più ampio di una politica sistematica a livello statale di armenofobia, revisionismo storico e odio verso gli armeni promossa dalle autorità azerbaigiane, compresa la disumanizzazione, l’esaltazione della violenza e rivendicazioni territoriali contro la Repubblica di Armenia che minacciano la pace e la sicurezza nel Caucaso meridionale.

Cosa ci si deve aspettare dal possibile processo di normalizzazione armeno-turca?

“Se facciamo un passo indietro e diamo uno sguardo ai fatti, vedremo che ogni Governo armeno dal 1991 è stato aperto alla normalizzazione delle relazioni e all’instaurazione di relazioni diplomatiche con la Turchia. Siamo sempre stati del parere che l’instaurazione di relazioni diplomatiche e l’apertura dei confini è il minimo che devono avere due paesi vicini.

Come sapete, Armenia e Turchia hanno nominato Rappresentanti Speciali per il dialogo volto alla piena normalizzazione dei rapporti senza precondizioni, che si sono già incontrati due volte.

Posso dire che ci sono già segnali positivi al riguardo: l’11-12 marzo 2022, il ministro degli Esteri armeno Ararat Mirzoyan ha partecipato al Forum diplomatico ad Antalya. Questa è la prima visita di un alto funzionario dell’Armenia in Turchia in un decennio. Inutile dire che se il processo di normalizzazione procede senza intoppi e si ottengono risultati positivi, le visite reciproche saranno regolari.

Inoltre posso dire che le persone stanno già beneficiando dei voli diretti che sono ripresi tra Yerevan e Istanbul. L’apertura delle frontiere avrà un impatto positivo sulla connettività, il commercio e le relazioni economiche tra i due paesi, i contatti interpersonali e la pace e la stabilità complessive nella regione”.


Autori: Giuliano Bifolchi e Sivlia Boltuc . Per ulteriori informazioni su Armenia e Nagorno-Karabakh, è possibile richiedere il report completo di SpecialEurasia a questo Link .

{:}