Situazione attuale delle tribù Pashtun lungo la linea di Durand: intervista ad Ahmad Khan Mumtaz

Weaveravel, CC BY-SA 4.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0>, via Wikimedia Commons

La Linea di Durand è l’eredità (o la pesante conseguenza negativa) del colonialismo europeo e ha caratterizzato la regione dove hanno sempre vissuto le tribù Pashtun. Nel 1893 Mortimer Durand, un diplomatico britannico del servizio civile indiano, e Abdur Rahman Khan, l’emiro afghano, stabilirono i confini tra l’Afghanistan e l’India britannica fissando una linea di demarcazione che oggi separa Afghanistan e Pakistan.

Se in passato durante il ‘Grande Gioco’ la Linea di Durand separava la sfera d’influenza russo-britannica, in epoca contemporanea questa linea di demarcazione divide tribù e famiglie pashtun. Abbiamo incontrato Ahmad Khan Mumtaz, CEO dell’Afghan Mumtaz Group of Companies e capo della tribù Ali-Khel Zazai che vive su entrambi i lati della linea Durand, per discutere con lui della situazione attuale nella regione e delle prospettive.

Come valutare la situazione della sicurezza lungo la Durand Line?

La situazione della sicurezza lungo la linea di Durand è molto tesa. Abbiamo tribù pashtun che vivono su entrambi i lati e sia il governo afgano che quello pakistano sono coinvolti nella regione e negli affari interni tribali.

Dagli anni ’80 questa zona ha registrato la presenza di mujaheddin afghani e stranieri e campi di addestramento . Pertanto, le tribù pashtun in Afghanistan e Pakistan hanno affrontato problemi legati a questo fenomeno. È importante capire che i mujaheddin afghani e i talebani appartengono alle tribù pashtun che vivono su entrambi i lati della linea Durand.

Queste tribù seguono il Pashtunwali (codice tribale o stile di vita tradizionale del popolo Pashtun) che ‘considera gli stranieri come ‘ospiti speciali” che dovrebbero essere onorati e protetti dalle minacce esterne. Quindi, poiché i pashtun sono amanti degli ospiti e persone amichevoli e seguono il loro codice tribale, hanno accolto combattenti stranieri provenienti da diverse parti del mondo (arabi tra cui Abdullah Azam, Osama Bin Ladin, Ayman Alzwahiri, uzbeki tra cui Tayer Yaldash, Juma Namangani, ceceni, uighuri, tra cui Abdul Haq, Kashmir, Punjabis e alcuni combattenti stranieri occidentali provenienti dal Nord America e dall’Europa). Questo è un elemento essenziale che va considerato quando si vuole comprendere uno dei motivi per cui i combattenti stranieri hanno potuto stabilire le loro attività e organizzazioni nel nostro territorio.

Inoltre, dovrei menzionare il fatto che dalla jihad afghana contro l’Unione Sovietica diversi combattenti stranieri e servizi di Intelligence stranieri sono stati coinvolti nelle dinamiche interne afghane che influenzano entrambi i lati della Linea di Durand. Oggi stiamo ancora vivendo un’influenza straniera nella nostra regione e tutte le tribù delle regioni afghane e pakistane lungo la linea di Durand hanno sofferto in modo significativo di questa condizione.”.

A causa della linea Durand, le tribù pashtun hanno vissuto separate tra Afghanistan e Pakistan. Come sono le condizioni generali del tenore di vita nella zona? In che modo le diverse tribù pashtun possono essere in contatto?

Sebbene la linea Durand abbia diviso le tribù e creato confini artificiali tra Afghanistan e Pakistan,  le tribù e le famiglie pashtun che vivono in questa regione hanno gli stessi standard di vita, cultura, costumi e codice di condotta (Pashtunwali) . Per esempio, non c’è divisione per la mia tribù Zazai (dalla parola Pashto ځاځی; plurale ځاځي, scritto anche Zazi o Jaji), perché viviamo su entrambi i lati della linea Durand in Paktya, Khost e Kurram, Orakzai e North Waziristan.

Ciò significa che i miei membri della tribù fanno colazione ad Aryub Zazai a Paktya o Maidan Zazai a Khost, pranzano con i loro cugini a Parachinar a Kurram o Miramshah nel Waziristan settentrionale, e poi tornano a casa per cena. Questa è la routine quotidiana per tutte le tribù su entrambi i lati della Linea Durand.”.

Akhmad Khan Mumtaz

Come gestisce Islamabad la questione relativa alle tribù pashtun della regione?

Vorrei anche sottolineare che Islamabad è, direttamente e indirettamente, coinvolta nella regione poiché il Pakistan sta monitorando attentamente entrambi i lati della linea Durand, in particolare la rivolta pashtun che richiede una terra pashtun libera”.

Dall’anno scorso abbiamo sentito e letto notizie sull’accordo di pace USA-talebani. Durante il mio incontro e intervista con politici afgani ed esperti della regione, ho sentito spesso che l’amministrazione americana ha deciso di parlare solo con un gruppo di talebani. Puoi commentare l’accordo di pace tra Stati Uniti e Talebani e il coinvolgimento dei talebani nella politica interna?

L’accordo di pace tra Stati Uniti e talebani afghani è una strada accidentata. Ci sono ancora problemi da entrambe le parti, poiché i talebani afghani sono ancora sotto l’influenza delle loro affiliate straniere . La seconda e la terza generazione di queste affiliate estere hanno in alcuni casi trasformato la loro amicizia con i talebani in un rapporto forte grazie ai matrimoni di entrambe le parti.

Sulla base delle mie informazioni provenienti dalle mie fonti tribali, dall’inizio dei colloqui di Doha, queste affiliate estere hanno indirettamente sostenuto i talebani afghani in ogni fase .“.

Guardiamo sempre all’Afghanistan come un paese instabile caratterizzato da diversi problemi. Personalmente credo che l’Afghanistan sia qualcosa di più di un ‘problema internazionale’ perché il vostro Paese potrebbe offrire interessanti opportunità economiche oltre a persone straordinarie. Sei d’accordo con questa idea? Puoi fornirci informazioni su possibili investimenti o opportunità di business nei confini AfPak? 

In effetti, sono d’accordo perché abbiamo molto da offrire per investimenti che saranno molto vantaggiosi non solo per le tribù che vivono su entrambi i lati della linea Durand, ma per l’intera regione.”.

Autore: Giuliano Bifolchi