Il Tagikistan aspira a divenire un hub energetico regionale

Bandiera Tagikistan
Bandiera del Tagikistan (Credits: bandiere-mondo.it)

Autore: Silvia Boltuc

Il Tagikistan prevede di aumentare le forniture di elettricità ai paesi vicini, in particolare all’Afghanistan, costruendo linee elettriche ad alta tensione. Questo progetto sottolinea il piano del governo tagiko di trasformare il paese in un hub energetico in una regione strategica come l’Asia centrale.

Come riportato da fonti locali, il 2021 sarà l’anno che decreterà l’inizio della costruzione di una linea di trasmissione da 500 chilovolt che partendo dalla centrale idroelettrica di Rogun arriverà alla sottostazione di conversione di Sangtuda aumentando così le possibilità di esportazione di energia elettrica .

Attualmente, la repubblica post-sovietica del Tagikistan dispone di 13 linee di trasmissione di potenza di vario voltaggio con i paesi limitrofi con una capacità totale di 4.570 Mega Watt (3.500 Mega Watt tra Tagikistan e Uzbekistan, 500 Mega Watt tra Tagikistan e Kirghizistan e 570 Mega Watt tra Tagikistan e Afghanistan) .

L’anno scorso il Paese ha prodotto più di 19,7 miliardi di kWh di elettricità, il 4,3% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019.  In termini di forniture energetiche ai Paesi limitrofi, il Tagikistan ha guadagnato oltre 56,4 milioni di dollari nonostante l’esportazione di elettricità sia diminuita di oltre il 39,4%. Secondo le fonti locali l’elettricità sarebbe stata esportata a Uzbekistan, Afghanistan e Kirghizistan, anche se mancano i dati ufficiali inerenti il volume delle forniture ai paesi vicini.

Tra i target tagiki nell’export energetico c’è il vicino Afghanistan che negli anni precedenti ha ricevuto circa 1,2-1,3 miliardi di kWh grazie all’elettrodotto di trasmissione di 220 kV Sangtuda-1 – Puli Khumri e all’elettrodotto a 110 kV Geran-Kunduz .

Secondo il Central Asia-South Asia Power Project, comunemente noto come CASA-1000, il Tagikistan e il Kirghizistan esporteranno il loro surplus di energia idroelettrica in Afghanistan e Pakistan. CASA-1000 è un progetto da 1,16 miliardi di dollari (la sua conclusione è prevista nel 2023) che potrebbe modificare gli equilibri geopolitici regionali. Infatti, grazie ai proventi delle esportazioni di energia, il Tagikistan (e il Kirghizistan) potranno sostenere lo sviluppo socio-economico nazionale e divenire meno dipendenti dagli aiuti esteri . Essendo la repubblica dell’Asia centrale con la più alta potenzialità nella generazione di energia idroelettrica, se il governo tagiko attirerà la quantità necessaria di investimenti per lo sviluppo del suo settore energetico, il Paese potrebbe diventare un importante polo energetico e attore geopolitico in Asia centrale.